Skip to content

Premio Letterario Tropea

Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color

NEWS

Nuovo sito Scoprite tutte le novità dell'edizione 2015 nel nuovo sito: www.premiotropea.it 

REGOLAMENTO IX edizione - 2015 PREMIO TROPEA     REGOLAMENTO IX edizione - 2015     Bandito dall’Associazione culturale “Accademia degli Affaticati - Tropea”     Premiazione il 5-6 settembre 2015 a Tropea     1. L’Associazione culturale “Accademia degli Affaticati di Tropea” bandisce il “Premio Letterario Città di Tropea” IX edizione, da assegnare ad un’opera di narrativa in lingua italiana, pubblicata tra l’1 gennaio 2014 e il 31 marzo 2015 sia in versione cartacea sia digitale.   2. Possono concorrere al Premio, previa regolare iscrizione da parte dell’editore (non dell’autore), le opere di narrativa pubblicate in versione cartacea e digitale nel periodo compreso fra l’1 gennaio 2014 ed il 31 marzo 2015 e regolarmente in commercio, i cui autori risultino viventi alla data d’iscrizione. Possono essere iscritte al Premio anche opere che abbiano ricevuto altri premi o che siano di autori già premiati in altri premi. Non possono partecipare al Premio Tropea gli autori che sono risultati vincitori o finalisti nelle scorse edizioni dello stesso. Se l’opera è stata pubblicata con uno pseudonimo, è necessaria una dichiarazione scritta in cui sia indicato il nome ed i dati anagrafici dell’autore.   3. L’associazione, sentiti i membri, entro il 31 marzo 2015, nomina di sua scelta un Comitato tecnico-scientifico, formato da quindici (15) membri e presieduto da un esperto di editoria di fama nazionale. Il Comitato tecnico-scientifico ed il suo Presidente hanno un mandato annuale e rinnovabile.   Modalità di partecipazione 4. Ogni componente del Comitato tecnico-scientifico è tenuto a segnalare alla Segreteria del Premio, entro il 15 aprile 2015 un titolo con le caratteristiche di cui al punto 2 che ritenga meritevole di concorrere al Premio. Saranno ammesse alle selezione le sole opere segnalate dal Comitato tecnico-scientifico.   5. La Segreteria del Premio entro il 30 aprile 2015 comunicherà ai rispettivi editori le opere segnalate dal Comitato. Gli autori o gli editori che non volessero partecipare al Premio devono esplicitamente dichiararlo per iscritto alla Segreteria del Premio entro e non oltre il 30 aprile 2015.   6. L’editore interessato a partecipare entro e non oltre il 15 maggio 2015 dovrà inviare in digitale (documento in ms word compilato in ogni sua parte) e in allegato la scheda di partecipazione (scaricabile qui) al seguente indirizzo mail: info@meligranaeditore.com o in cartaceo (documento in ms word compilato in ogni parte) tramite raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo: Meligrana Editore, Via della Vittoria 14, 89861 TROPEA (VV). La compilazione e l’invio della scheda di partecipazione prevedono per l’editore l’accettazione del seguente Regolamento in ogni suo punto, in particolar modo, l’invio e le condizioni economiche d’acquisto delle copie esclusivamente in formato digitale (ebook) per la Giuria Popolare e la partecipazione obbligatoria dell’autore finalista alle serate di premiazione del Premio (5 e 6 settembre 2015).   7. La segreteria, vagliata la regolarità dell’iscrizione, chiederà all’editore di spedire entro e non oltre il 30 maggio 2015 sedici copie per ogni opera regolarmente iscritta al Premio, sia in formato cartaceo sia in formato digitale (formato pdf), direttamente ai singoli componenti del Comitato tecnico scientifico (una copia a componente più una copia all’associazione “Accademia degli Affaticati di Tropea”) agli indirizzi e con le modalità che verranno comunicate via mail insieme alla richiesta ufficiale. Le copie vanno dunque inviate a titolo gratuito e non verranno restituite in nessun caso. La Segreteria del Premio, una volta chiuse le iscrizioni, comunicherà agli editori interessati l'Elenco completo delle opere iscritte al Premio.   8. Il Comitato tecnico-scientifico, dopo aver letto i libri, si riunirà per procedere alla selezione di una terna di finalisti. Prima di procedere alla votazione, verifica l’ammissibilità delle stesse al Premio sulla base del presente Regolamento; tale giudizio è insindacabile. La seduta di selezione è pubblica, avrà luogo in Tropea entro il 30 giugno 2015 e si svolgerà secondo le modalità qui di seguito indicate:   a) Tutti i componenti del Comitato tecnico-scientifico, compreso il Presidente, presentano con singoli interventi una delle opere dell'Elenco. Quindi si passa all’individuazione, previa votazione palese, delle tre opere finaliste. Ciascuno dei membri del Comitato presenti alla riunione esprime pubblicamente due preferenze riguardanti altrettanti titoli presenti nell'Elenco. Vengono quindi prescelte le tre opere che ottengono il maggior numero di voti. Nel caso di un ex aequo, che porti più di tre opere a ottenere i voti necessari ad entrare nella terna dei finalisti, si pongono a ballottaggio le opere con il punteggio più basso. Ciascuno dei Giurati esprime allora una preferenza. Viene quindi prescelta l'opera che ottiene il maggior numero di voti. Nel caso in cui solo due opere riescano ad ottenere un numero sufficiente di suffragi, i componenti del Comitato tornano a votare gli altri libri presenti nell’Elenco, esprimendo un singolo voto a testa, anche per successive votazioni. Viene quindi prescelta l'opera che ottiene il maggior numero di voti. Il giudizio del Comitato è insindacabile.   9. L’associazione, sentiti i membri, entro il 30 giugno 2015, nomina inoltre una Giuria Popolare, composta dai 50 comuni della provincia di Vibo Valentia, dai 4 sindaci dei capoluoghi di provincia, da studenti tropeani, bibliotecari calabresi e da tutti i soci dell’Accademia degli Affaticati per un totale massimo di 100 componenti.   Invio 10. Entro sette (7) giorni dalla scelta della terna, la Segreteria del Premio comunicherà ufficialmente agli editori l’avvenuta selezione dei loro libri tra i finalisti. Ogni editore, dopo aver comunicato ufficialmente alla Segreteria la modalità scelta per l’invio tra quelle sotto riportate, entro sette (7) giorni dalla comunicazione ufficiale dovrà provvedere, da sé o tramite l’impiego di uno store a scelta, ad inviare centouno (101) ebook, uno per ciascun membro della Giuria Popolare + uno per la Segreteria del Premio, nelle seguenti modalità:   a)     Invio diretto del file (formato epub/pdf) privo di qualsiasi DRM ad ogni membro della Giuria Popolare. La segreteria in tal caso fornirà l’elenco completo delle mail e il nominativo del giurato. L’editore dovrà: 1) inserire nel colophon necessariamente un testo riguardante il Premio, indicato dalla Segreteria e specificato nella comunicazione ufficiale; 2) inviare la mail, contenente in allegato l’ebook, a ciascun giurato; 3) verificare la correttezza dell’operazione, quando possibile, con le opzioni di “conferma recapito” e “conferma lettura”; 4) inserire come testo e-mail solo ed esclusivamente il testo indicato dalla Segreteria e specificato nella comunicazione ufficiale. Nel caso in cui l’editore o la Segreteria verifichino un mancato recapito ad uno o più componenti della Giuria Popolare, per qualsivoglia motivo, l’editore, dopo aver ricevuto dalla Segreteria la conferma degli indirizzi mail, dovrà inviare le nuove e-mail contenenti l’ebook fintanto che il file non arrivi al destinatario entro comunque un limite massimo di quindici (15) giorni dalla prima spedizione. b)   Invio diretto del file (formato epub/pdf) con SOCIAL DRM ad ogni membro della Giuria Popolare. La segreteria in tal caso fornirà (anche affinché siano inseriti nel colophon dell’ebook, come da procedura SOCIAL DRM) l’elenco completo delle mail e il nominativo del giurato. L’editore dovrà: 1) inserire nel colophon necessariamente un testo riguardante il Premio, indicato dalla Segreteria e specificato nella comunicazione ufficiale; 2) inviare la mail, contenente in allegato l’ebook, a ciascun giurato; 3) verificare la correttezza dell’operazione, quando possibile, con le opzioni di “conferma recapito” e “conferma lettura”; 4) inserire come testo e-mail solo ed esclusivamente il testo indicato dalla Segreteria e specificato nella comunicazione ufficiale. Nel caso in cui l’editore o la Segreteria verifichino un mancato recapito ad uno o più componenti della Giuria Popolare, per qualsivoglia motivo, l’editore, dopo aver ricevuto dalla Segreteria la conferma degli indirizzi mail, dovrà inviare le nuove e-mail contenenti l’ebook fintanto che il file non arrivi al destinatario entro comunque un limite massimo di 15 (quindici) giorni dalla prima spedizione. d)  Invio diretto del file (formato epub/pdf) con ADOBE DRM ad ogni membro della Giuria Popolare. La segreteria in tal caso fornirà all’editore l’elenco completo delle mail e il nominativo del giurato. L’editore dovrà: 1) inserire nel colophon necessariamente un testo riguardante il Premio, indicato dalla Segreteria e specificato nella comunicazione ufficiale; 2) inviare la mail, contenente in allegato l’ebook, a ciascun giurato; 3) verificare la correttezza dell’operazione, quando possibile, con le opzioni di “conferma recapito” e “conferma lettura”; 4) inserire come testo e-mail solo ed esclusivamente il testo indicato dalla Segreteria e specificato nella comunicazione ufficiale. Nel caso in cui l’editore o la Segreteria verifichino un mancato recapito ad uno o più componenti della Giuria Popolare, per qualsivoglia motivo, l’editore, dopo aver ricevuto dalla Segreteria la conferma degli indirizzi mail, dovrà inviare le nuove e-mail contenenti l’ebook fintanto che il file non arrivi al destinatario entro comunque un limite massimo di quindici (15) giorni dalla prima spedizione.   Condizioni economiche d’acquisto 11. L’editore, che ha regolarmente iscritto l’opera, che ha così accettato il seguente Regolamento e il cui testo sia stato scelto tra i finalisti, concede di vendere (sia nel caso di vendita diretta sia nel caso venga utilizzata uno store) alla Segreteria del Premio ciascuno dei centouno (101) ebook ad un prezzo massimo di 2,99 € (due euro e novantanove centesimi) IVA inclusa. Tale cifra non può essere oggetto di trattativa. Nel caso in cui il prezzo dell’ebook sia inferiore, verrà preso come prezzo di riferimento il prezzo dell’ebook alla data riportata nella Scheda d’iscrizione. Gli ebook dovranno essere fatturati dall’editore a 120 giorni fine mese all’anagrafica fornita nella comunicazione ufficiale. Nel caso in cui l’editore abbia scelto uno store, la fattura dovrà essere emessa alla Segreteria dallo store stesso sempre al prezzo per copia di 2,99 € come da seguente Regolamento.   Votazione 12. Le tre opere prescelte vengono quindi sottoposte al giudizio della Giuria popolare. Ognuno dei cento (100) giudici, dopo aver letto i testi, esprime un’unica preferenza, con l’indicazione del titolo e dell’autore prescelto, su apposita scheda, in forma scritta, secondo le modalità indicate dalla Segreteria, facendo pervenire la preferenza alla Segreteria del Premio entro il 31 agosto 2015. Entro il 5 settembre 2015 la Segreteria si riserva di scrutinare i voti attribuiti ad ogni singolo titolo. Il voto rimarrà segreto sino alla proclamazione ufficiale del 6 luglio 2014.   Premi 13. La consegna dei premi avverrà a Tropea in una pubblica manifestazione che si terrà nei giorni 5 e 6 settembre 2015. I premi devono essere ritirati personalmente dai vincitori i quali sono tenuti a presenziare a tutt’e due le serate: in caso contrario non saranno assegnati. Se un autore prescelto nella seduta di selezione si ritira ufficialmente prima della manifestazione conclusiva o non parteciperà alla stessa non avrà diritto ad alcun premio né al denaro. La presenza nella terna dei finalisti del Premio Città di Tropea comporta la partecipazione agli eventi organizzati dal Premio in occasione delle celebrazioni conclusive, nonché la disponibilità ad intervenire ad altre iniziative collaterali organizzate dall’Associazione “Accademia degli Affaticati”. Agli autori di ciascuna delle tre opere prescelte, in base ai risultati dello scrutinio, verrà consegnato un premio in denaro del seguente valore: euro 5.000,00 (cinquemila) per il primo classificato, euro 3.000,00 (tremila) per il secondo classificato, euro 2.000,00 (duemila) per il terzo classificato. L’opera che ottiene il maggior numero di voti dalla Giuria popolare (100 giurati) viene proclamata vincitrice del “Premio Città di Tropea - Una regione per leggere 2015”, e la relativa dicitura deve essere riportata su un’apposita fascetta da realizzarsi, a cura dell’Editore, secondo le modalità indicate direttamente dalla Segreteria del Premio. In caso di parità fra due o più opere i premi sono suddivisi in parti uguali.   * I dati forniti, cioè quelli riguardanti i componenti della Giuria Popolare, devono essere trattati come da art. 13 della legge 196/2003, fatti salvi e impregiudicati i diritti riconosciuti nell’art. 7 della legge 196/2003, e, nello specifico, non potranno essere trattati liberamente né acquisiti per uso commerciale proprio in quanto non vi è stato alcun consenso specifico da parte dei Giurati.

LE IMMAGINI DELLA PREMIAZIONE 2014   

Partners - Sponsor

Banca Popolare del Mezzogiorno
You are here: Home arrow Statuto
Skip to content

header_image3.jpg

Statuto

logo_accademia.jpg

STATUTO

TITOLO 1

DENOMINAZIONE-SEDE- DURATA-SCOPO

 

Articolo 1

E’ costituita un’associazione avente la denominazione “Associazione Accademia degli affaticati – Tropea” di seguito, per brevità denominata “associazione”.

Articolo 2

L’associazione ha sede in Tropea alla via V. Veneto, 79.

Articolo 3

La durata dell’associazione è a tempo indeterminato e può essere sciolta con delibera dell’assemblea.

Articolo 4

L’associazione non ha scopi di lucro e tutte le cariche ricoperte dai soci e collaboratori all’interno di essa devono intendersi gratuite, salvo il rimborso delle spese effettivamente sostenute, se documentate.

Articolo 5

L’associazione è formata da persone e da enti ed intende promuovere sia in Italia che all’estero lo sviluppo culturale e turistico della città di Tropea e del suo comprensorio. I suoi fini sono esclusivamente di promozione culturale, associativi e sociali. Attraverso i suoi organi essa:

1) Organizza e realizza il premio letterario “Città di Tropea”, secondo il regolamento che sarà approvato dal Consiglio direttivo;

2) sostiene e svolge con ogni mezzo utile e disponibile attività culturali e sociali in ogni settore della vita civile;

3) organizza e promuove riunioni, conferenze, dibattiti, congressi, tavole rotonde, mostre, concorsi, convegni, viaggi di istruzione e manifestazioni culturali;

4) Si interessa della formazione dei giovani, tramite la promozione della conoscenza della nostra regione, la conoscenza delle opportunità di lavoro e le occasioni per rimanere in Calabria, coinvolgendoli in attività culturali, lavorative e ludiche;

5) Favorisce, crea ed incentiva occasioni di incontro con persone ed associazioni o enti che provengono da altre parti d’Italia o dell’estero, al fine di una promozione turistica e culturale della città di Tropea e del suo comprensorio;

6) Coordina la propria azione, fatti salvi i principi di autonomia e di apartiticità, con quelle organizzazioni che decidessero di svolgere attività coincidenti con gli interessi, le finalità e gli scopi dell’associazione.

7) Raccoglie, promuove, prepara e pone a disposizione degli interessati, materiali di cui l’associazione è in possesso;

8) Si interessa alla pubblicazione di riviste, periodici, libri, oggettistica e stampati promozionali, alla produzione di film, audiocassette, compact/video disk, nonché alla progettazione e realizzazione di opere i cui contenuti si ispirano alle finalità dell’associazione.

9) Per lo svolgimento di queste attività l’associazione può avvalersi sia di prestazioni retribuite che di collaborazioni volontarie e gratuite.

 

TITOLO II

SOCI

Articolo 6

Possono aderire all’associazione tutte le persone, senza distinzione di sesso, razza, cittadinanza, di qualunque dottrina politica e fede religiosa i cui interessi sociali, culturali non contrastino con l’ideologia dell’associazione. La richiesta di ammissione del socio, sia italiano che straniero, è accolta con deliberazione del Consiglio direttivo, su domanda degli interessati. La richiesta, oltre alle generalità complete dell’interessato, deve contenere esplicitamente l’impegno all’osservanza dell’atto costitutivo e dello statuto, di cui si dichiara di aver preso visione in ogni loro parte e di approvare senza riserva alcuna, e altresì l’impegno al rispetto delle disposizioni e regolamenti interni che potranno essere emanati dagli organi dell’associazione. Il nuovo socio, all’atto dell’ammissione verserà la quota associativa.

I soci sono: fondatori, ordinari e sostenitori.

1) I soci fondatori sono coloro che, oltre ad aver preso parte alla costituzione dell’associazione, hanno provveduto alla stesura del presente statuto ed alla sua registrazione; essi fanno parte di diritto del Consiglio direttivo e soltanto fra questi dovrà essere eletto il Presidente;

2) I soci ordinari sono gli aderenti che progettano, gestiscono e partecipano alle attività infondendo nuovi impulsi agli scopi dell’associazione. Prerogativa per la loro adesione è l’iscrizione all’associazione ed il pagamento della quota associativa stabilita annualmente dal Consiglio direttivo. L’iscrizione all’associazione implica l’accettazione del presente statuto e l’associato deve essere munito della tessera annuale rilasciata dal Consiglio direttivo;

3) I soci sostenitori sono coloro che contribuiscono fattivamente con sovvenzioni, donazioni o contributi particolari alle attività dell’associazione. Costoro non pagano la quota annua di iscrizione.

Articolo 7

La qualifica di socio si perde:

-per dimissioni da presentare mediante lettera raccomandata;

-per morosità a causa di un ritardo superiore ad un anno nel pagamento delle quote sociali;

-per esclusione pronunciata contro un socio che può essere venuto meno ai requisiti richiesti per l’iscrizione o per comportamenti contrari ai principi e alle finalità dell’associazione o per atti contrari alle leggi vigenti,

Articolo 8

Il socio moroso può essere riammesso a far parte dell’associazione previo versamento delle quote sociali arretrate.

L’esclusione di un associato è deliberata dal Consiglio direttivo con la maggioranza dei due terzi dei Consiglieri presenti e con la presenza di almeno la metà dei membri in carica.

 

TITOLO III

ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

Articolo 9

Gli organi dell’associazione sono:

1) L’assemblea dei soci;

2) il Consiglio direttivo;

3) Il Presidente;

4) Il vice Presidente

5) Il segretario

6) Il tesoriere.

 

Articolo 10

L’assemblea dei soci, alla quale hanno diritto di partecipare tutti i soci fondatori ed ordinari in regola con i pagamenti delle quote sociali, si riunisce, in seduta ordinaria almeno una volta l’anno, entro il mese di aprile, per l’approvazione del bilancio e del programma consuntivo e preventivo, presentati dal Consiglio direttivo e, in via straordinaria, ogni qualvolta il Consiglio direttivo o il Presidente lo riterranno necessario. L’assemblea può essere convocata anche su richiesta della metà più uno dei soci. Ulteriori norme, riguardanti la convocazione, l’ordine del giorno, le modalità di voto e varie verranno emanate dal Consiglio direttivo ed inserite nel regolamento interno della vita associativa. L’assemblea, con la presenza di almeno due terzi degli aventi diritti al voto, approva a maggioranza dei votanti, i regolamenti interni relativi alle manifestazioni che l’associazione organizza.

Articolo 11

L’assemblea ordinaria è convocata con lettera raccomandata (anche a mano se deliberato dal Consiglio direttivo) diretta a ciascun socio, almeno quindici giorni prima del giorno fissato per la riunione. L’avviso di convocazione dovrà contenere l’ordine del giorno, l’ora ed il luogo dell’adunanza in prima e di seconda convocazione. L’adunanza in seconda convocazione potrà essere tenuta nello stesso giorno fissato per la prima convocazione, con l’intervallo di almeno un’ora. Ciascun socio potrà farsi rappresentare da un altro socio purchè munito di delega scritta. Ogni socio non potrà essere portatore di più di una delega.

Articolo 12

L’assemblea è validamente costituita e può validamente deliberare quando sia presente, o rappresentata per delega, almeno la metà dei soci più uno, in prima convocazione; trascorsa almeno un’ora da quella fissata, la riunione sarà valida in seconda convocazione qualunque sia il numero degli intervenuti. L’assemblea delibera con voto palese , con la maggioranza dei voti dei soci presenti o rappresentati. In ogni caso, ai sensi dell’art. 21 c.c., per modificare l’atto costitutivo e lo statuto, occorre la presenza di almeno tre quarti degli associati ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti. Per deliberare lo scioglimento dell’associazione e la devoluzione del patrimonio occorre il voto favorevole di almeno tre quarti degli associati. L’assemblea all’inizio di ogni sessione elegge, senza vincoli di formalità fra i soci presenti, un presidente ed un segretario. Il segretario provvede a redigere il verbale della seduta su apposito registro. Il verbale è sottoscritto dal presidente dell’assemblea, dal segretario e dagli scrutatori qualora vi siano votazioni. Spetta al presidente dell’assemblea constatare la validità della seduta, verificare la regolarità delle deleghe, regolare lo svolgimento della discussione e degli interventi, nonché presiedere il seggio elettorale in caso di votazioni.

Articolo 13

Il Consiglio direttivo è composto di diritto dai soci fondatori e da un numero di membri di volta in volta stabilito dall’assemblea in rapporto alle esigenze del programma dell’associazione. Per la prima volta la determinazione del numero dei membri, la loro nomina e le cariche di Presidente, vice Presidente, segretario e tesoriere vengono effettuate nell’atto costitutivo.

Articolo 14

Il Consiglio direttivo dura in carica due anni ed i suoi membri possono essere rieletti. Le elezioni si svolgono durante un’assemblea ordinaria o straordinaria tenuta secondo le modalità di cui ai precedenti articoli. Alle elezioni non è ammesso il voto per delega. Il Consiglio direttivo elegge, ogni due anni, il Presidente, il vice Presidente, il segretario ed il tesoriere.

Articolo 15

Il Consiglio direttivo è presieduto dal Presidente, coadiuvato dal vice Presidente che lo sostituisce in caso di sua assenza o impedimento, ed in mancanza di quest’ultimo, dal consigliere più anziano. Il Consiglio direttivo è investito di ogni potere per decidere sulle iniziative da assumere e sui criteri da seguire per il conseguimento e per l’attuazione degli scopi dell’associazione e per la sua direzione ordinaria e straordinaria. In particolare il Consiglio direttivo:

1) fissa le direttive per l’attuazione dei compiti statutari, ne stabilisce le modalità e le responsabilità di esecuzione e controlla l’esecuzione stessa;

2) decide sull’attività e sulle iniziative dell’associazione, predisponendo i relativi regolamenti;

3) stabilisce l’importo della quota annua di associazione che sarà determinata in relazione alle spese occorrenti per la vita dell’associazione;

4) redige il bilancio preventivo e consuntivo da presentare all’assemblea per l’approvazione unitamente alla relazione annuale;

5) delibera sull’ammissione dei nuovi soci;

6) compila il regolamento interno dell’associazione;

7) delibera le convocazioni delle assemblee dei soci .

Il Consiglio direttivo delibera con voto palese a maggioranza assoluta dei membri presenti. In caso di parità di voti prevale quello di chi presiede. Le delibere del Consiglio direttivo sono valide se alla riunione prendono parte almeno la metà più uno dei suoi componenti. Ogni Consigliere può essere comunque portatore di una sola delega.

Articolo 16

Qualora durante il corso del mandato cessino dalla carica uno o più Consiglieri eletti, subentreranno i soci che nei risultati delle votazioni, hanno riportato il maggior numero di voti dopo l’ultimo eletto. I Consiglieri subentrati permangono in carica fino alla scadenza del periodo che sarebbe spettato di diritto ai membri sostituiti.

Articolo 17

Il Consiglio direttivo si riunisce secondo le norme del regolamento interno, quando lo riterrà opportuno il Presidente e quando lo richiede almeno la metà dei Consiglieri componenti il Consiglio direttivo. La convocazione deve avvenire almeno cinque giorni prima della data fissata per l’adunanza a mezzo di avviso raccomandato anche a mano. Nei casi di urgenza i termini possono essere ridotti anche a due giorni e la convocazione può avvenire telegraficamente o a mezzo fax o posta elettronica. Negli avvisi di convocazione deve essere contenuto l’ordine del giorno.

Articolo 18

Il Presidente dell’associazione viene eletto con il voto favorevole della maggioranza dei componenti il Consiglio direttivo e scelto fra i soci fondatori. Qualora nessuno dei soci fondatori fosse disponibile ad accettare la carica, il Presidente andrà comunque scelto fra i membri del Consiglio direttivo. Egli ha la legale rappresentanza dell’associazione nei confronti dei terzi ed in giudizio a tutti gli effetti di legge; convoca e preside il Consiglio direttivo, è responsabile dell’amministrazione dell’associazione e risponde dei fatti civili e amministrativi compiuti in nome e per conto della stessa, ha la firma sociale, è autorizzato ad incassare crediti di ogni specie nei confronti di chiunque, intrattiene rapporti di conto corrente presso gli uffici postali ed istituti ed enti di credito ed opera su detti crediti e conti se intestati all’associazione.

Articolo 19

Il Presidente organizza e dirige l’attività complessiva dell’associazione ed è responsabile dello sviluppo delle attività sociali e, insieme al Consiglio direttivo, garantisce l’esecuzione dei deliberata dell’assemblea dei soci.

Articolo 20

Nei casi di urgenza il Presidente può esercitare i poteri del Consiglio direttivo, salvo ratifica da parte di questo alla prima riunione. Egli designa, se necessario, eventuali collaboratori preposti a particolari attività inserite nel programma.

Articolo 21

Il vice Presidente coadiuva il presidente e lo sostituisce in sua assenza o impedimento per gli affari di ordinaria amministrazione o quando ne sia espressamente delegato, nei termini di delega.

Articolo 22

Il segretario :

1) cura l’esecuzione delle delibere del Consiglio direttivo

2) redige i verbali delle riunioni del Consiglio direttivo e li trascrive nel libro dei verbali;

3) provvede alla tenuta delle scritture sociali e amministrative

Articolo 23

Il tesoriere :

1) conserva la cassa sociale

2) è custode e responsabile della cassa sociale, di cui potrà disporre solo su mandato del Presidente o di chi ne fa le veci;

3) provvede alle spese ordinarie

4) provvede alla tenuta delle scritture contabili

Articolo 24

Tutte le cariche conferite, ai termini del presente statuto, durano due anni. In caso di dimissioni, impedimento permanente o decesso di uno dei Consiglieri o di coloro che ricoprono cariche sociali, il Consiglio direttivo provvederà alla loro sostituzione per elezione fra i soci. I sostituti così nominati resteranno in carica fino alla scadenza del periodo che sarebbe spettato di diritto ai membri sostituiti.

 

TITOLO IV

PATRIMONIO DELL’ASSOCIAZIONE

Articolo 25

Il patrimonio dell’associazione è costituito:

1) dalle quote di iscrizione e dalle quote sociali annuali;

2) dagli utili delle manifestazioni sociali, dalle iniziative e di ogni altra attività comunque presa in ordine ai programmi stabiliti dall’associazione;

3) da ogni altra entrata che concorra ad incrementare il sostegno delle attività e della struttura associativa;

4) da contributi volontari, lasciti, donazioni di ogni specie, rendite e sovvenzioni di persone ed enti privati e pubblici italiani e stranieri;

Articolo 26

Le quote sociali annuali dovranno essere versate entro i primi due mesi dall’inizio dell’esercizio sociale dell’associazione. L’inosservanza della suddetta scadenza, protratta per oltre un anno, comporta la perdita della qualifica di socio.

Articolo 27

L’esercizio sociale dell’associazione inizia il giorno 1 (uno) gennaio e si conclude il giorno 31 (trentuno) dicembre di ogni anno

 

TITOLO V

CONTROVERSIE SOCIALI

Articolo 28

Tutte le controversie tra l’associazione ed i soci o tra gli stessi soci per ragioni attinenti la vita dell’associazione, saranno sottoposte, ad un apposito Collegio arbitrale composto da tre membri: uno nominato dal Consiglio direttivo, tra i suoi membri, uno dall’assemblea dei soci, tra i suoi membri ed il terzo nominato dal contendente ovvero dal Presidente del Tribunale di Vibo Valentia. Essi giudicheranno “ex bono et aequo” senza formalità di procedura. Il loro lodo sarà inappellabile.

 

TITOLO VI

MODIFICHE E SCIOGLIMENTO

 

Articolo 29

Le modifiche del presente statuto possono essere proposte dal Consiglio direttivo o da un quarto dei soci. Le relative deliberazioni sono deliberate dall’assemblea con le maggioranze di cui all’art. 12 ed entreranno in vigore dopo che saranno state rese note a tutti gli associati. In ogni caso non potranno essere modificati gli scopi e le finalità dell’associazione così come enunciati nei precedenti articoli.

Articolo 30

Lo scioglimento dell’associazione è deliberato dall’assemblea con le maggioranze di cui all’art. 12.

Articolo 31

In caso di scioglimento dell’associazione il Presidente, congiuntamente al Consiglio direttivo in carica, devolverà quanto di proprietà dell’associazione ad altra associazione culturale o ente di beneficenza.

Articolo 32

Per quanto non espressamente previsto nell’atto costitutivo e nel presente statuto ci si riporta a quanto stabilito nelle vigenti leggi che regolano la materia.

Ultimo aggiornamento ( mercoledì 06 dicembre 2006 )
 

Sponsor

Il portale dei Calabresi nel Mondo