Skip to content

Premio Letterario Tropea

Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color

NEWS

Nuovo sito Scoprite tutte le novità dell'edizione 2015 nel nuovo sito: www.premiotropea.it 

REGOLAMENTO IX edizione - 2015 PREMIO TROPEA     REGOLAMENTO IX edizione - 2015     Bandito dall’Associazione culturale “Accademia degli Affaticati - Tropea”     Premiazione il 5-6 settembre 2015 a Tropea     1. L’Associazione culturale “Accademia degli Affaticati di Tropea” bandisce il “Premio Letterario Città di Tropea” IX edizione, da assegnare ad un’opera di narrativa in lingua italiana, pubblicata tra l’1 gennaio 2014 e il 31 marzo 2015 sia in versione cartacea sia digitale.   2. Possono concorrere al Premio, previa regolare iscrizione da parte dell’editore (non dell’autore), le opere di narrativa pubblicate in versione cartacea e digitale nel periodo compreso fra l’1 gennaio 2014 ed il 31 marzo 2015 e regolarmente in commercio, i cui autori risultino viventi alla data d’iscrizione. Possono essere iscritte al Premio anche opere che abbiano ricevuto altri premi o che siano di autori già premiati in altri premi. Non possono partecipare al Premio Tropea gli autori che sono risultati vincitori o finalisti nelle scorse edizioni dello stesso. Se l’opera è stata pubblicata con uno pseudonimo, è necessaria una dichiarazione scritta in cui sia indicato il nome ed i dati anagrafici dell’autore.   3. L’associazione, sentiti i membri, entro il 31 marzo 2015, nomina di sua scelta un Comitato tecnico-scientifico, formato da quindici (15) membri e presieduto da un esperto di editoria di fama nazionale. Il Comitato tecnico-scientifico ed il suo Presidente hanno un mandato annuale e rinnovabile.   Modalità di partecipazione 4. Ogni componente del Comitato tecnico-scientifico è tenuto a segnalare alla Segreteria del Premio, entro il 15 aprile 2015 un titolo con le caratteristiche di cui al punto 2 che ritenga meritevole di concorrere al Premio. Saranno ammesse alle selezione le sole opere segnalate dal Comitato tecnico-scientifico.   5. La Segreteria del Premio entro il 30 aprile 2015 comunicherà ai rispettivi editori le opere segnalate dal Comitato. Gli autori o gli editori che non volessero partecipare al Premio devono esplicitamente dichiararlo per iscritto alla Segreteria del Premio entro e non oltre il 30 aprile 2015.   6. L’editore interessato a partecipare entro e non oltre il 15 maggio 2015 dovrà inviare in digitale (documento in ms word compilato in ogni sua parte) e in allegato la scheda di partecipazione (scaricabile qui) al seguente indirizzo mail: info@meligranaeditore.com o in cartaceo (documento in ms word compilato in ogni parte) tramite raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo: Meligrana Editore, Via della Vittoria 14, 89861 TROPEA (VV). La compilazione e l’invio della scheda di partecipazione prevedono per l’editore l’accettazione del seguente Regolamento in ogni suo punto, in particolar modo, l’invio e le condizioni economiche d’acquisto delle copie esclusivamente in formato digitale (ebook) per la Giuria Popolare e la partecipazione obbligatoria dell’autore finalista alle serate di premiazione del Premio (5 e 6 settembre 2015).   7. La segreteria, vagliata la regolarità dell’iscrizione, chiederà all’editore di spedire entro e non oltre il 30 maggio 2015 sedici copie per ogni opera regolarmente iscritta al Premio, sia in formato cartaceo sia in formato digitale (formato pdf), direttamente ai singoli componenti del Comitato tecnico scientifico (una copia a componente più una copia all’associazione “Accademia degli Affaticati di Tropea”) agli indirizzi e con le modalità che verranno comunicate via mail insieme alla richiesta ufficiale. Le copie vanno dunque inviate a titolo gratuito e non verranno restituite in nessun caso. La Segreteria del Premio, una volta chiuse le iscrizioni, comunicherà agli editori interessati l'Elenco completo delle opere iscritte al Premio.   8. Il Comitato tecnico-scientifico, dopo aver letto i libri, si riunirà per procedere alla selezione di una terna di finalisti. Prima di procedere alla votazione, verifica l’ammissibilità delle stesse al Premio sulla base del presente Regolamento; tale giudizio è insindacabile. La seduta di selezione è pubblica, avrà luogo in Tropea entro il 30 giugno 2015 e si svolgerà secondo le modalità qui di seguito indicate:   a) Tutti i componenti del Comitato tecnico-scientifico, compreso il Presidente, presentano con singoli interventi una delle opere dell'Elenco. Quindi si passa all’individuazione, previa votazione palese, delle tre opere finaliste. Ciascuno dei membri del Comitato presenti alla riunione esprime pubblicamente due preferenze riguardanti altrettanti titoli presenti nell'Elenco. Vengono quindi prescelte le tre opere che ottengono il maggior numero di voti. Nel caso di un ex aequo, che porti più di tre opere a ottenere i voti necessari ad entrare nella terna dei finalisti, si pongono a ballottaggio le opere con il punteggio più basso. Ciascuno dei Giurati esprime allora una preferenza. Viene quindi prescelta l'opera che ottiene il maggior numero di voti. Nel caso in cui solo due opere riescano ad ottenere un numero sufficiente di suffragi, i componenti del Comitato tornano a votare gli altri libri presenti nell’Elenco, esprimendo un singolo voto a testa, anche per successive votazioni. Viene quindi prescelta l'opera che ottiene il maggior numero di voti. Il giudizio del Comitato è insindacabile.   9. L’associazione, sentiti i membri, entro il 30 giugno 2015, nomina inoltre una Giuria Popolare, composta dai 50 comuni della provincia di Vibo Valentia, dai 4 sindaci dei capoluoghi di provincia, da studenti tropeani, bibliotecari calabresi e da tutti i soci dell’Accademia degli Affaticati per un totale massimo di 100 componenti.   Invio 10. Entro sette (7) giorni dalla scelta della terna, la Segreteria del Premio comunicherà ufficialmente agli editori l’avvenuta selezione dei loro libri tra i finalisti. Ogni editore, dopo aver comunicato ufficialmente alla Segreteria la modalità scelta per l’invio tra quelle sotto riportate, entro sette (7) giorni dalla comunicazione ufficiale dovrà provvedere, da sé o tramite l’impiego di uno store a scelta, ad inviare centouno (101) ebook, uno per ciascun membro della Giuria Popolare + uno per la Segreteria del Premio, nelle seguenti modalità:   a)     Invio diretto del file (formato epub/pdf) privo di qualsiasi DRM ad ogni membro della Giuria Popolare. La segreteria in tal caso fornirà l’elenco completo delle mail e il nominativo del giurato. L’editore dovrà: 1) inserire nel colophon necessariamente un testo riguardante il Premio, indicato dalla Segreteria e specificato nella comunicazione ufficiale; 2) inviare la mail, contenente in allegato l’ebook, a ciascun giurato; 3) verificare la correttezza dell’operazione, quando possibile, con le opzioni di “conferma recapito” e “conferma lettura”; 4) inserire come testo e-mail solo ed esclusivamente il testo indicato dalla Segreteria e specificato nella comunicazione ufficiale. Nel caso in cui l’editore o la Segreteria verifichino un mancato recapito ad uno o più componenti della Giuria Popolare, per qualsivoglia motivo, l’editore, dopo aver ricevuto dalla Segreteria la conferma degli indirizzi mail, dovrà inviare le nuove e-mail contenenti l’ebook fintanto che il file non arrivi al destinatario entro comunque un limite massimo di quindici (15) giorni dalla prima spedizione. b)   Invio diretto del file (formato epub/pdf) con SOCIAL DRM ad ogni membro della Giuria Popolare. La segreteria in tal caso fornirà (anche affinché siano inseriti nel colophon dell’ebook, come da procedura SOCIAL DRM) l’elenco completo delle mail e il nominativo del giurato. L’editore dovrà: 1) inserire nel colophon necessariamente un testo riguardante il Premio, indicato dalla Segreteria e specificato nella comunicazione ufficiale; 2) inviare la mail, contenente in allegato l’ebook, a ciascun giurato; 3) verificare la correttezza dell’operazione, quando possibile, con le opzioni di “conferma recapito” e “conferma lettura”; 4) inserire come testo e-mail solo ed esclusivamente il testo indicato dalla Segreteria e specificato nella comunicazione ufficiale. Nel caso in cui l’editore o la Segreteria verifichino un mancato recapito ad uno o più componenti della Giuria Popolare, per qualsivoglia motivo, l’editore, dopo aver ricevuto dalla Segreteria la conferma degli indirizzi mail, dovrà inviare le nuove e-mail contenenti l’ebook fintanto che il file non arrivi al destinatario entro comunque un limite massimo di 15 (quindici) giorni dalla prima spedizione. d)  Invio diretto del file (formato epub/pdf) con ADOBE DRM ad ogni membro della Giuria Popolare. La segreteria in tal caso fornirà all’editore l’elenco completo delle mail e il nominativo del giurato. L’editore dovrà: 1) inserire nel colophon necessariamente un testo riguardante il Premio, indicato dalla Segreteria e specificato nella comunicazione ufficiale; 2) inviare la mail, contenente in allegato l’ebook, a ciascun giurato; 3) verificare la correttezza dell’operazione, quando possibile, con le opzioni di “conferma recapito” e “conferma lettura”; 4) inserire come testo e-mail solo ed esclusivamente il testo indicato dalla Segreteria e specificato nella comunicazione ufficiale. Nel caso in cui l’editore o la Segreteria verifichino un mancato recapito ad uno o più componenti della Giuria Popolare, per qualsivoglia motivo, l’editore, dopo aver ricevuto dalla Segreteria la conferma degli indirizzi mail, dovrà inviare le nuove e-mail contenenti l’ebook fintanto che il file non arrivi al destinatario entro comunque un limite massimo di quindici (15) giorni dalla prima spedizione.   Condizioni economiche d’acquisto 11. L’editore, che ha regolarmente iscritto l’opera, che ha così accettato il seguente Regolamento e il cui testo sia stato scelto tra i finalisti, concede di vendere (sia nel caso di vendita diretta sia nel caso venga utilizzata uno store) alla Segreteria del Premio ciascuno dei centouno (101) ebook ad un prezzo massimo di 2,99 € (due euro e novantanove centesimi) IVA inclusa. Tale cifra non può essere oggetto di trattativa. Nel caso in cui il prezzo dell’ebook sia inferiore, verrà preso come prezzo di riferimento il prezzo dell’ebook alla data riportata nella Scheda d’iscrizione. Gli ebook dovranno essere fatturati dall’editore a 120 giorni fine mese all’anagrafica fornita nella comunicazione ufficiale. Nel caso in cui l’editore abbia scelto uno store, la fattura dovrà essere emessa alla Segreteria dallo store stesso sempre al prezzo per copia di 2,99 € come da seguente Regolamento.   Votazione 12. Le tre opere prescelte vengono quindi sottoposte al giudizio della Giuria popolare. Ognuno dei cento (100) giudici, dopo aver letto i testi, esprime un’unica preferenza, con l’indicazione del titolo e dell’autore prescelto, su apposita scheda, in forma scritta, secondo le modalità indicate dalla Segreteria, facendo pervenire la preferenza alla Segreteria del Premio entro il 31 agosto 2015. Entro il 5 settembre 2015 la Segreteria si riserva di scrutinare i voti attribuiti ad ogni singolo titolo. Il voto rimarrà segreto sino alla proclamazione ufficiale del 6 luglio 2014.   Premi 13. La consegna dei premi avverrà a Tropea in una pubblica manifestazione che si terrà nei giorni 5 e 6 settembre 2015. I premi devono essere ritirati personalmente dai vincitori i quali sono tenuti a presenziare a tutt’e due le serate: in caso contrario non saranno assegnati. Se un autore prescelto nella seduta di selezione si ritira ufficialmente prima della manifestazione conclusiva o non parteciperà alla stessa non avrà diritto ad alcun premio né al denaro. La presenza nella terna dei finalisti del Premio Città di Tropea comporta la partecipazione agli eventi organizzati dal Premio in occasione delle celebrazioni conclusive, nonché la disponibilità ad intervenire ad altre iniziative collaterali organizzate dall’Associazione “Accademia degli Affaticati”. Agli autori di ciascuna delle tre opere prescelte, in base ai risultati dello scrutinio, verrà consegnato un premio in denaro del seguente valore: euro 5.000,00 (cinquemila) per il primo classificato, euro 3.000,00 (tremila) per il secondo classificato, euro 2.000,00 (duemila) per il terzo classificato. L’opera che ottiene il maggior numero di voti dalla Giuria popolare (100 giurati) viene proclamata vincitrice del “Premio Città di Tropea - Una regione per leggere 2015”, e la relativa dicitura deve essere riportata su un’apposita fascetta da realizzarsi, a cura dell’Editore, secondo le modalità indicate direttamente dalla Segreteria del Premio. In caso di parità fra due o più opere i premi sono suddivisi in parti uguali.   * I dati forniti, cioè quelli riguardanti i componenti della Giuria Popolare, devono essere trattati come da art. 13 della legge 196/2003, fatti salvi e impregiudicati i diritti riconosciuti nell’art. 7 della legge 196/2003, e, nello specifico, non potranno essere trattati liberamente né acquisiti per uso commerciale proprio in quanto non vi è stato alcun consenso specifico da parte dei Giurati.

LE IMMAGINI DELLA PREMIAZIONE 2014   

Partners - Sponsor

Banca Popolare del Mezzogiorno
You are here: 
Skip to content

header_image3.jpg

Anche se sei “affaticato” puoi realizzare un sogno PDF Stampa E-mail
di Maria Assunta De Fazio

Un evento dal respiro internazionale capace di creare la rinascita culturale, e quindi turistica, della Calabria: la regione in cui, purtroppo, si legge meno

Seduto ad ascoltare prendendo parte alla conferenza stampa di presentazione ufficiale del premio letterario nazionale “Città di Tropea – Una regione per leggere”, tenutasi lo scorso 3 marzo e allestita nella sala del Museo diocesano di Tropea dall’Accademia degli affaticati, sei portato a pensare che qualcosa può ancora cambiare, che la Calabria può essere diretta promotrice di cultura senza restare a guardare, che si può ancora costruire un nuovo “brand Calabria” che esca fuori dai soliti clichè. Pensi a tutto ciò e ti stupisci ancora di più quando il sogno si trasforma in realtà e, attraverso le parole di Pasqualino Pandullo, presidente dell’accademia, inizia a concretizzarsi e a prendere forma.

Presentati i 27 libri in gara indicati dal comitato tecnico-scientifico, presieduto da Isabella Bossi Fedrigotti, scrittrice e giornalista del Corriere della sera, e dopo diversi interventi legati tutti da una trama e un obiettivo comune, la platea è invitata a ritrovarsi nella stessa splendida cornice due settimane più tardi.

Mantenendo fede alla promessa fatta, il 18 marzo i tre libri finalisti del premio letterario vengono presentati in seduta pubblica da una folta rappresentanza del comitato tecnico-scientifico. All’incontro sono presenti, insieme a diverse autorità istituzionali, la già sopra citata Bossi Fedrigotti, presidente del comitato stesso, Mario Caligiuri, giornalista e docente universitario, i rettori delle tre università calabresi, rappresentati ciascuno da tre loro delegati – Tullio Barni dell’Università “Magna Garecia” di Catanzaro, Fulvio Librandi dell’Università della Calabria e Stefania Romeo dell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria –, Giuliano Vigini, editore e scrittore, Pandullo, Lino Daniele e Saverio Ciccarelli, rispettivamente presidente, vicepresidente e segretario dell’accademia promotrice dell’evento. Ecco le tre opere che si contenderanno il primo posto: Donne informate sui fatti di Carlo Fruttero (Mondadori), Gomorra di Roberto Saviano (Mondadori) e Mille anni che sto qui di Mariolina Venezcia (Einaudi).

La vera originalità della manifestazione

Da questo momento in poi, le tre opere prescelte saranno sottoposte al giudizio della giuria popolare – «popolare, per davvero» si legge nella home del sito della manifestazione www.premioletterariotropea.org – composta da 24 persone di estrazione diversa residenti nel comune di Tropea, 17 soci fondatori del dell’accademia promotrice dell’evento e, udite udite, da ciascun sindaco dei 409 comuni calabresi. Ecco come il premio può diventare catalizzatore culturale, rendendo il format interessante e, come ampiamente sottolineato durante la presentazione ufficiale, strutturato in modo che sia comprensibile, efficace, ma soprattutto credibile per la classe intellettuale che, da opinion leader, può contribuire a diffondere una nuova immagine della Calabria.

Organizzatori e sostenitori mirano dunque a nobili obiettivi, riconducibili a tre categorie principali. Quella culturale prima di tutte: i sindaci di ciascun comune calabrese saranno gli attori principali della “campagna promozionale” per diffondere il libro e il piacere di leggere, riallacciandosi e facendosi portatori del messaggio fondamentale che il Premio “Città di Tropea – Una regione per leggere” racchiude in sé. Solo così questo potrà raggiungere ogni singolo cittadino e diffondersi in maniera capillare.

La seconda è quella turistica: la manifestazione, infatti, è in grado di mobilitare un gran numero di appassionati e non, permettendo alla splendida località che la custodisce di diventare un punto di incontro tra il pubblico e gli intellettuali. Riportando le parole del progetto redatto dall’accademia, si desume che «dall’evento culturale, che per tanti può comportare la scoperta stessa di un luogo, scaturisce così una promozione turistica qualificata e qualificante, veicolata da una cittadina-simbolo della bellezza, dell’arte e della storia mediterranea, conosciuta e celebrata su scala internazionale».

Per soddisfare tali obiettivi è servito l’impegno di molti, ma per raggiungere lo scopo centrale serve ancor di più il nostro contributo: sto parlando dell’aspetto socioeconomico della manifestazione: e arriviamo così alla terza categoria. Importanti istituti di ricerca e sondaggi condotti sull’argomento, infatti, convengono nel rilevare che la Calabria è la regione dove si legge meno. «Per tutte – si riscontra ancora nella nota dell’accademia –, basti citare l’ultima “Indagine multiscopo sulle famiglie” svolta dall’Istat, dalla quale risulta che, su un campione di 100 calabresi, ben 66,8 hanno dichiarato di “non leggere” libri». Il dato è preoccupante se concordiamo che la lettura, anche nell’“Era elettronica”, resta lo strumento più importante per la conoscenza, la formazione e l’arricchimento culturale della persona, la capacità di formarsi un’opinione e l’abilità al confronto. Ancora nel documento che contiene i punti cardine del progetto, viene citato un articolo di Mirella Appiotti apparso su Tuttolibri (La Stampa, 16 settembre 2006). La giornalista cita un’indagine su lungo periodo (1980-2003) svolta da due «economisti politici» di Bologna e Trento, Antonello Scorcu e Edoardo Gaffeo: i loro dati dicono che «Se la Calabria avesse avuto negli Anni 70 il tasso di lettura della Liguria, oggi la produttività della regione sarebbe di 50 punti più alta. Se nelle 20 regioni italiane il tasso di lettura fosse stato, nel 1980, pari a quello medio nazionale, avremmo avuto, nel 2003, 20 punti di maggior crescita della produttività per l’Abruzzo, 23 per la Basilicata, 24 per la Campania, 29 per il Molise».

Commenta più avanti la giornalista: «Si è sempre saputo, dall’età dei papiri egizi, che conoscenza significa capacità di fare, in qualsiasi campo. Il mondo cultural-politico italiano ha dimostrato invece di non farne gran conto».

«La lettura fa cultura, e la cultura fa sviluppo»

Ora sta a noi ribaltare i risultati che l’Istituto italiano di Statistica ha rilevato e riuscire a capire che il libro rappresenta un vero e proprio tesoro. Il suo valore rimane quindi inestimabile e l’unica “regione per leggerlo” è il piacere di averlo tra le mani, sfogliare le sue pagine, poterle toccare e conoscerne, attraverso le parole, l’autore. Farne quindi tesoro per poter accrescere la propria persona e, di conseguenza, anche la nostra terra.

Diventa quindi questa la ragione centrale che accomuna promotori e sostenitori dell’iniziativa: l’idea che cultura e turismo siano due facce della stessa medaglia, che conoscenza possa significare capacità di fare e di offrire. Ecco il motivo che ha spinto l’amministrazione comunale, rappresentata durante la giornata della presentazione ufficiale dall’assessore al Turismo Michele Accorinti, ad accogliere con estrema serietà il progetto dell’Accademia degli affaticati, cogliendo quella stessa occasione per dichiarare che, nel bilancio di previsione del comune, un intero capitolo ad hoc sarà dedicato al premio letterario stesso, dando prova di un sostegno reale, concreto.

Ci sia aspetta dunque che Tropea, capitale del turismo calabrese, possa diventare anche capitale di cultura, luogo di incontro tra pubblico e intellettuali: l’evento, che per molti può diventare la scoperta di un luogo, farebbe scaturire una promozione turistica qualificata e qualificante, in grado di regalare un nuovo brand, un nuovo insieme di valori, attribuibile ad una nuova Calabria. Riportando le parole degli stessi organizzatori, concordiamo nel dire che «la lettura fa cultura, e la cultura fa sviluppo. Una contaminazione allargata, in cui la Calabria diventa protagonista in positivo, portatrice sana di cultura, finalmente, in un evento di respiro internazionale». Allora il sogno diventa davvero realtà.

Ultimo aggiornamento ( giovedì 03 maggio 2007 )
 
< Prec.   Pros. >

Sponsor

Il portale dei Calabresi nel Mondo