LA CULTURA E LE IMPRESE

Collaborazioni con grandi aziende internazionali ed eccellenti imprese calabresi per la seconda edizione del Tropea Festival Leggere & Scrivere. Dal 5 al 10 novembre 2013.

 

Realtà imprenditoriali internazionali come Amazon, Aurora Penne, Mulino Bianco, The Bridge e importanti aziende legate al territorio calabrese come Amarelli, Caffo e Librandi: queste alcune delle partnership che segnano la seconda edizione del Tropea Festival Leggere & Scrivere. Un’edizione che estende i propri confini tematici e geografici. Punti di vista ampliati grazie all’intuizione di voler abbracciare idealmente tutto il territorio e offrire eventi che comprendano anche altre forme d’arte. A Tropea, fulcro naturale dell’iniziativa, si affiancano Vibo Valentia, Serra San Bruno e Soriano Calabro in un susseguirsi di incontri, dibattiti, spettacoli e mostre, tutti gratuiti e aperti al pubblico. L’idea è quella di condividere il principio ispiratore dell’iniziativa- la promozione della cultura del leggere -  raggiungendo “tutti”, favorendo l’incontro con chi non legge, con chi legge di rado, con i piccoli che lettori diverranno e naturalmente con gli appassionati. Di fatto anche le aziende che partecipano al Festival, offrendo prodotti o servizi, sostengono questo dialogo, spesso tutto da costruire. Conferme e nuove collaborazioni che dimostrano la valenza dell’offerta culturale, la risonanza nazionale del Festival e dei suoi protagonisti. Amazon, Aurora Penne e The Bridge saranno co-protagonisti nella serata conclusiva del Premio letterario Tropea. Il vincitore riceverà un articolo di pelletteria The Bridge e una preziosa penna stilografica Aurora con pennino in oro 14kt realizzata in collaborazione con Amarelli e contraddistinta dall’inchiostro al profumo di liquirizia. Ai tre finalisti verrà consegnato un kindle, l’e-reader della Amazon, a voler sottolineare il ruolo delle nuove tecnologie a sostegno della lettura: strumenti che rendono disponibili migliaia di libri in un unico dispositivo, ovunque ci si trovi. Amarelli, Caffo e Librandi, eccellenze del nostro territorio, accoglieranno con i loro prodotti i relatori degli oltre 60 appuntamenti. All’interno del Palazzo Gagliardi, sede vibonese degli eventi legati al Festival, sarà presente uno Spazio Bimbi, in cui i piccoli ospiti potranno cimentarsi in attività artistiche e fare merenda con un prodotto Mulino Bianco. Il Palazzo vivrà grazie anche alla sapiente opera dell’architetto Ali Barati che riscalderà gli ambienti con i suoi arredamenti. Sarà così possibile gustare un caffè o leggere un libro tra un incontro e una visita alle Mostre poste al piano superiore. Sarà presente anche un bookshop allestito dalla libreria vibonese Mondadori di Stefania Mobilio, in cui sarà possibile trovare tutti i libri presentati dagli autori durante il festival e un’ ampia scelta di libri per bambini. “Il nostro obiettivo è quello di promuovere la cultura del leggere presso un pubblico più ampio possibile – dichiara Gilberto Floriani, direttore del Sistema Bibliotecario e Direttore artistico del Festival – le collaborazioni con le aziende ci permettono di offrire maggiori servizi ai nostri visitatori, piccoli e grandi, e di rafforzare l’immagine del nostro territorio attraverso i buoni esempi imprenditoriali che sa produrre.” Una nota particolare merita la collaborazione con  20lines.com, la community di scrittori e lettori di riferimento in Italia con più di 35.000 utenti registrati e oltre 4.000 racconti pubblicati nei primi 16 mesi. A cura di 20lines.com è infatti l’inedito laboratorio di scrittura collettiva dedicato ai detenuti del penitenziario di Vibo Valentia, i quali, partendo da un pregevole contributo di Mimmo Gangemi, svilupperanno un racconto collettivo che verrà, poi, presentato durante il Festival. Va avanti, inoltre, l’impegno a favore delle scuole: quest’anno verranno coinvolti il liceo scientifico di Vibo Valentia e l’istituto d’istruzione superiore “Galluppi” di Tropea che potranno usare un’area messa a loro disposizione dalla community per altrettanti laboratori di scrittura collettiva. “Con grande soddisfazione – dichiara Pietro Pollichieni founder di 20lines - confermiamo il nostro sodalizio con Tropea Festival anche per l’edizione 2013, partnership che è rafforzata dalla moltiplicazione degli impegni e appuntamenti congiunti.”